Cinque Anelli – Tokyo National Olympic Stadium 2020

Cinque Anelli – Tokyo National Olympic Stadium 2020

Struttura sportiva,

Tokyo 2016/2017

Progettisti: Architetti Michela Benignetti, Livia Gangarossa, Gildo Incitti, Federica Mares e Federica Paolucci

FINALISTA TOP 3 “QUALITY OF WHOLE DESIGN” – “IASS 2016 – Design Competition for Young Generation on New National Stadium Japan” – Bando internazionale indetto da: IASS

2° POSTO – “2017 IOC IPC IAKS: Architecture and Design Award for Students and Young Professionals”

Bando internazionale indetto da: IAKS, Comitato Olimpico Internazionale e Comitato Paralimpico Internazionale

 

 

 

Cinque anelli, cinque cerchi.

 

La nostra proposta per il nuovo stadio Olimpico di Tokyo 2020, prende il nome di CINQUEANELLI: oltre al riferimento diretto ai cinque cerchi olimpici, la morfologia stessa dell’impianto si sviluppa su cinque anelli sovrapposti, che da una struttura ipogea che ospita il campo e gli spalti, conduce ad una doppia copertura pedonale dove poter fare sport sette giorni su sette, ammirando il favoloso skyline di Tokyo.

Uno stadio per tutti

 

La struttura ipogea permette allo stadio di essere nascosto nella natura del parco circostante, diminuendone l’impatto in una città già satura di cemento. L’area, tra i quartieri di Chiyoda, Shinjuku e Shibuya, ospita infatti 80mila mq di spazi verdi, che si integrano, quasi entrando nello stadio, con la copertura pedonale dell’impianto. All’interno 72mila posti a sedere coperti, 35mila mq di spazi interni, tra negozi, servizi, palestre e sale conferenze. Il tutto accessibile tramite rampe dall’inclinazione leggera, che permettono anche a chi ha problemi motori, di accedere e vivere l’evento sportivo senza subire discriminazione alcuna.

Spettatori e atleti, e atleti spettatori

 

L’obiettivo di Cinque Anelli è creare uno stadio nella città, per la città. Una struttura che sopravviva all’evento olimpico senza diventare l’ennesima cattedrale nel deserto legata ad un evento sportivo.

La copertura praticabile ospita uno spazio pensato in continuità con il verde del parco circostante, di modo che al di fuori dell’evento sportivo, il cittadino possa praticare sport nello stadio della propria città, creando un legame con il luogo e con gli atleti che regaleranno emozioni gareggiando all’interno di esso!